Salvaguardare l’artigianato: i partner di arITsan alla CCIAA di Pisa

Salvaguardare l’artigianato: i partner di arITsan alla CCIAA di Pisa

Quali sono le sfide che l’artigianato deve affrontare per sopravvivere nel mercato odierno? Questa la domanda da cui nasce il progetto europeo arITsan, i cui partner si sono incontrati lo scorso venerdì a Pisa, presso la Camera di Commercio, in occassione del terzo TPM (Transnational Project Meeting), per discutere l’avanzamento e i risultati previsti dal progetto. L’incontro, a cui hanno partecipato i rappresentanti dei sei paesi europei coinvolti (Italia, Romania, Inghilterra, Malta, Portogallo, Polonia e Spagna) è stato inaugurato dal benvenuto di Valter Tamburini, presidente della Camera di Commercio Toscana Nord-Ovest, e arricchito dagli interventi di Elisa Guidi, coordinatrice di Artex e presidentessa di World Craft Council Europe, e di Sabrina Perondi, coordinatrice sindacale di CNA Pisa.
Carla Sabatini, manager di Nkey che si occupa da anni di progetti Erasmus+, nonché membro di presidenza CNA Pisa area cuoio, ha infatti cercato la collaborazione delle esperte per offrire ai partner del progetto preziosi contributi circa l’andamento del settore artigianale italiano e le misure stanziate per salvaguardarne il patrimonio artistico e culturale. ArITsan ha infatti come obiettivo quello di potenziare le capacità ICT e imprenditoriali degli artigiani senior, custodi di antiche tradizioni la cui esistenza viene messa in discussione da un mercato sempre più competitivo e orientato alla digitalizzazione.
Gli interventi di CNA ed Artex si sono concentrati sullo stato attuale dell’artigianato italiano, la figura del Maestro Artigiano, la configurazione della Bottega Scuola e l’illustrazione di pacchetti turistici esperenziali creati per tutelare la figura tradizionale dell’artigiano e scongiurarne la scomparsa: l’incontro è stato dunque tutto orientato a sottolineare l’importanza di custodire il patrimonio artistico e culturale del Paese, che si trova oggi a fronteggiare le minacce poste dai rapidi sviluppi della tecnologia.
Silvia Fergosti e Gianmarco Rossi, responsabili del reparto grafico-informatico di Nkey, hanno poi illustrato il funzionamento del sito web del progetto, visitabile all’indirizzo www.seniorcrafts.org, dove è possibile consultare l’archivio digitale dei profili artigiani e caricare nuovi profili che verranno poi approvati dagli amministratori. Grazie all’archivio è sia possibile tenere viva la memoria di antichi mestieri che, se non sono già estinti, sono a rischio di scomparire, sia promuovere e dare visibilità digitale a realtà artigiane ancora attive.
“Stiamo lavorando ad ArITsan da circa un anno, e in questo tempo abbiamo avuto modo di collaborare con diverse realtà locali, regionali e nazionali. Il supporto della CNA di Pisa è stato fondamentale fin dall’inizio: Barbara Carli, vice-direttrice di CNA Pisa, si è dimostrata fin da subito interessata, offrendo la disponibilità della Confederazione ad ogni step del progetto – commenta Carla Sabatini -. Ringraziamo quindi Barbara e Sabrina per il loro aiuto e supporto, la Camera di Commercio e Valter Tamburini per averci accolto a Pisa, ed Elisa Guidi per aver accettato il nostro invito e per il suo prezioso contributo agli obiettivi del progetto”.
La CNA di Pisa ha dichiarato inoltre di essere disponibile e realizzare un nuovo tavolo di lavoro che coinvolga direttamente il tessuto imprenditoriale e quindi tutti i Maestri Artigiani della provincia.
“Un progetto come ArITsan non può che giovare al settore dell’artigianato italiano – continua Barbara Carli – poiché è in grado di amplificare, concretamente, la situazione problematica che è comune a gran parte degli artigiani europei. Si tratta di indagare le difficoltà degli artigiani senior per poi proporre supporti atti a potenziare le loro capacità imprenditoriali e digitali; in questo senso non possiamo che dare il nostro appoggio ad ArITsan, sempre con l’obiettivo di tutelare quell’eredità artistica che è da sempre pilastro dell’economia italiana e, in generale, europea”.
Nel pomeriggio, la delegazione dei partner di ArITsan si è recata a Livorno per far visita al laboratorio di Fulvio Pacitto, l‘ultimo maestro d’ascia ancora presente sul territorio. Pacitto, che aveva già collaborato coi partner rilasciando unintervista che è possibile visualizzare sul sito di ArItsan, ha accolto il gruppo del progetto europeo nel suo workshop, discutendo delle difficoltà a cui la sua attività è andata incontro negli ultimi anni. Quello del maestro d’ascia è un mestiere artigianale con un’antica tradizione alle spalle, già a rischio di estinzione per la crescente popolarità del vetroresina, a discapito del legno, e per la mancanza di un ricambio generazionale consistente.
La giornata si è conclusa dando agli ospiti provenienti da Inghilterra, Malta, Polonia, Portogallo e Spagna un assaggio della cucina tipica livornese, con una cena sociale che ha visto la partecipazione, oltre ai partner di ArITsan, anche di alcuni artigiani del territorio.

 

Condividi
Categorie
Articoli Recenti